Traduci
Il contadino a casa tua!

Molise


Molise, e una scoperta è immediata. Dicono che le dimensioni non contano e questo fazzoletto di terra che si specchia di fronte al tacco dello stivale pare dare ragione al detto.

Troppo facile dire che l’Italia, sotto il piano dell’enogastronomia, sia tutta un valore aggiunto ma risulta oltremodo semplice avere quale riferimento le principali regioni nazionali. Toscana, Lombardia, Campania, Sicilia, Emilia Romagna: hanno conquistato nel tempo la medaglia di territori di eccellenza culinaria e il lustro va quasi da sè, alimentato da riconoscimenti su scala mondiale.

Il Molise, invece, è un francobollo di territorio cui, all’apparenza, non si renderebbe uguale merito.

Invece accade che da una briciola di territorio si arrivino a scoprire cibi e bevande di spore e gusto di alto livello.

Molise e Saporilandia: in questo caso si è trattato di una scommessa (vinta, lo si deduce dal risultato garantito). Scommessa nata nel momento in cui si è deciso di garantire uno spazio a ciascuna delle tradizioni culturali e agroalimentari che insistono nella penisola.

Accade così che il Molise, piccola regione poco conosciuta sia in riferimento al turismo che all’enogastronomia, dia accesso a perle di settore.

Eccellenze che val la pena conoscere e sperimentare, anche perché spaziano da un capitolo all’altro dell’intero libro che è l’agroalimentare.

Chi sa, ad esempio, che dal Molise si recupera un salume, la ventricina, che viene preparato con pezzi interi di carne di maiale?! I quali sono conditi con peperoncino, sale e altri aromi, prima di essere insaccato nel budello naturale e stagionato per mesi.

O, informazione ancora meno conosciuta, che il Molise è la prima regione italiana per cavatura di tartufo bianco?!

Per non parlare delle salsicce, delle soppressate che hanno la caratteristica forma schiacciata, dei capicollo e dei prosciutti. Ma anche squisiti i formaggi, freschi o stagionati, di mucca o di pecora.

Saporilandia propone diverse offerte molisane: dalla serie di condimenti a base di tartufo nero e bianco (burro, olio, sale) alle creme di funghi porcini o di asparagi. ll carpaccio di tartufo nero e il Re dell’autunno: SUA MAESTA’ TARTUFO BIANCO.

Inserisci qui il tuo commento o la tua valutazione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: